SPEDIZIONE GRATUITA per ordini superiori a 49€ altrimenti 7,90€

Non hai articoli nel carrello.

Non hai articoli da confrontare.

LA CANTINA

Le Donne Borghese

ROBERTA, LISA E NICOLE
 

L’Azienda dal 1984 è di proprietà della famiglia Borghese. Se ne occupa a tempo pieno la figlia Roberta, giovane friulana, che ad una grande e coinvolgente passione, unisce le capacità professionali per il costante aggiornamento presso famose aziende francesi, californiane e italiane. Si occupa in prima persona della conduzione dei vigneti, delle tecniche di cantina e della promozione dei propri vini. Da pochi anni sono entrate nell’azienda anche le figlie, Lisa e Nicole che con grande passione seguono i passi della madre.




La storia della Cantina

DOC FRIULI COLLI ORIENTALI
 

vigneti-rosazzoSiamo in Friuli, nel nord-est dell’Italia, dove le pieghe dei Colli Orientali rivelano piccole e grandi aziende agricole.

Il microclima e il suolo hanno eletto questa terra culla del vino. Gli anni e la storia hanno fatto il resto.
La terra ci parla e solo ascoltando possiamo rispettarla davvero. Roberta Borghese, proprietaria di questi ronchi, ne ha capito i valori, si è fatta rapire dall’atmosfera dei luoghi e dal ritmo della natura.

La fondazione dell’Azienda Agricola “Ronchi di Manzano”, risale al 1969, ma le vigne hanno una storia antica di secoli.

I conti di Trento, proprietari da generazioni di buona parte di queste terre, avevano particolare predilezione per Ronchi di Manzano, sia per la felice esposizione che per il carattere del terreno.

I vigneti erano considerati tra i migliori di tutta la zona ed erano destinati alle varie contee del regno austro-ungarico e richiestissimi dai nobili di Francia e di Savoia.

 






I Vigneti di Manzano

NELLA CULLA DEL VINO
 

01. AdB_ChiSiamo_Abbazia_Storia

L’Azienda è situata nel comune di Manzano e copre una superficie di 60 ettari di collina, di cui 40 vitati che circondano le proprietà.

Il carattere del terreno dove insistono le Vigne Ronchi di Manzano è marnoso di origine eocenica. Questa marna molto particolare, che in friulano è conosciuta come “ponca”, ricchissima di micro elementi e sali minerali, caratterizza i vitigni e, di conseguenza, i vini prodotti, donando loro la massima tipicità.

Da quando Roberta è subentrata in azienda, ha imposto da subito un programma di totale reimpianto dei vigneti più vecchi con l’infittimento dei ceppi e l’adozione di sistemi di potatura più corti convinta che un vino di qualità si possa ottenere solo partendo da una grande qualità delle uve.

Proprio per questo, in campagna, le piante vengono curate, cercando di usare il meno possibile prodotti chimici e durante le vendemmie, la raccolta è esclusivamente manuale e in cassette, per danneggiare il meno possibile i preziosi grappoli d’uva.

Questi sono da sempre i principi che vanno a caratterizzare la filosofia aziendale

 





I vigneti di Rosazzo

VIGNETI SUGGESTIVI E INCANTEVOLI
 

 

vigneti-rosazzo
 

Ronc di Rosazzo, 20 ettari di vigneto situati sulla collina più alta di Rosazzo, vocatissima sottozona dei Friuli Colli Orientali. La natura è amica di queste terre. Arrivando a Rosazzo, quello che si apre allo sguardo è un panorama di vigneti fra i più suggestivi e incantevoli. Il suolo marnoso, chiamato ponca, mantiene costante il livello di umidità mettendo a riparo le uve dai danni della siccità. La grande presenza di Sali minerali e oligoelementi, la dolce morfologia, trasmettono ai grappoli inconfondibili accenti.

 

Finezza ed eleganza sono i caratteri che caratterizzano i vini bianchi di questa zona; quasi femminili, giocano su toni gentili, mai smaccati, sempre equilibrati. Aromi composti e ben fusi, sono vivaci, freschi e snelli, desiderano più tempo per affinarsi ed esprimere tutta la loro graziosa soavità.

 

I rossi ruotano attorno a impressioni, colori rubini netti, profumi fruttati o leggermente erbacei, sapori equilibrati. Qui vengono prodotti tutti i vini riserva dell’azienda, vini che hanno trovato un habitat ideale per esprimere l’eccellenza che si esprime a pieno titolo nel terroir di Rosazzo.